Marco Giacomelli

marco giacomelli sorriso

“Ecocasa è lo strumento per costruire moderno ed ecologico, il mezzo per perseguire l’obbiettivo di un’edilizia consapevole e di valore!”

Con questa intervista conosciamo Marco Giacomelli.

Buongiorno, mi chiamo Marco Giacomelli, sono del 1949 quindi ho…66 anni e da sempre vivo a Pistoia.
In passato sono stato un pubblico amministratore e per tanti anni mi sono occupato di gestione di società pubbliche, organizzando anche eventi ed attività sociali; sono da anni impegnato nel mondo cooperativo perché rimane la mia passione.
Quello che faccio mi piace molto, ed ho scelto di farlo perché rispecchiava le mie passioni, attitudini ed inclinazioni che, ancora oggi, mi porta a ritrovarmi in un modello economico e sociale proposto dal mondo cooperativo; quello cioè di contribuire a migliorare il benessere delle persone.

Credi sia importante la tutela dell’ambiente?
Si, ci credo che la tutela dell’ambiente sia determinate per il futuro del mondo; porto l’esempio del consumo energetico medio: di norma già all’inizio dell’estate si è dato fondo al quantitativo di energia relativa ad un intero anno….
Così non si può andare avanti, continuando a consumare energia si toglie futuro a chi verrà dopo di noi, bisogna invertire questa tendenza se non si vuole arrivare alla consumo totale delle risorse.

Credi che “pensare alla salute” o “fare una vita sana” possa riguardare anche il luogo dove si vive?
Occorre cambiare gli stili di vita. Certamente vivere una casa salubre è fondamentale perché in essa passiamo metà della nostra esistenza.

Una casa per essere una “buona casa” cosa deve avere?
Deve essere costruita con materiali naturali per tutelare la salute e possibilmente con ambienti adeguatamente spaziosi e luminosi.

Se io ti dico che Bioedilizia significa: “progettare, costruire e vivere un edificio in modo consapevole pensando alla tutela dell’ambiente, evitando o riducendo il più possibile impatti negativi sull’ambiente”……tu, cosa mi dici?
Io ti dico che la definizione è sicuramente corretta, si solleva però il problema di come venga in realtà recepito il messaggio e serve un cambiamento culturale perché venga davvero compreso.

Quale sarà secondo te il futuro dell’edilizia?
L’edilizia di certo non sarà più quella che è stata fino ad oggi; il suo futuro è già stato segnato dalla scelte che stanno facendo le Istituzioni: basta con il consumo del territorio e maggior impegno nel recupero e nel riuso dell’esistente.
Si sta puntando a cambiare la visione ed il concetto della “casa”, che non potrà più essere quella della villetta indipendente o della villettina a schiera, come è successo in questi ultimi 20 anni.
Si sta puntando al ri-uso e riqualificazione dei vecchi edifici di valore, così come sarebbe auspicabile l’eliminazione di tanti edifici degli anni ’50 con poco valore storico e che comportano un elevato dispendio energetico, con loro sostituzione con edilizia sostenibile, anche grazie alle moderne tecnologie che oggi ci possiamo permettere.

Ti piace la nuova visione dell’edilizia in cui Ecocasa crede?
Si, molto e mi affascina Ecocasa, perché seppur non tutti conoscano davvero l’edilizia sostenibile, rappresenta in realtà l’ideale di molti; mi affascina e coinvolge l’idea, che ora sia possibile trasformare un ideale in realtà.

Secondo te, come vede la gente la bioedilizia?
Credo che la gente “accarezzi” solamente il concetto, e viva la convinzione del “vorrei ma non posso” e questo purtroppo li porta lontani dalla realtà.

Come credi possa essere valorizzata Ecocasa?
Ecocasa verrà valorizzata davvero attraverso il costruire: una filosofia che porti a fatti, anche attraverso una moderna legislazione che concepisca gli incentivi per la bioedilizia, e quindi un’edilizia che tuteli l’ambiente, sia da considerasi un “bene pubblico” e quindi accessibile a tutti.

Vivresti in una nuova casa di legno o in una casa ristrutturata in bioedlizia?
Si, magari: più bello, più salute meno costi di gestione.

Cosa faresti per far capire agli altri che è giusto cambiare mentalità e credere ed investire nell’edilizia ecologica?
Quando parlo di bioedilizia, vorrei riuscire  trasmettere e dimostrare che questo modo di costruire non è un sogno, che i costi sono compatibili con quelli “tradizionali” pur offrendo una qualità molto superiore.

Credi che la gente conosca la realtà di una cooperativa di abitanti?
Si, credo che la gente conosca la realtà delle cooperative di abitanti; a Pistoia le cooperative hanno costruito molti alloggi nel passato di qualità a costi contenuti, oggi si apre una nuova era nel costruire un’ edilizia sostenibile: la cooperazione può essere il soggetto punto di riferimento per un nuovo modo di abitare con alta qualità con costi accessibili.

Come hai conosciuto Ecocasa?
Operando nel mondo cooperativo; la filosofia di Ecocasa rispecchia il mio modo di vedere la nuova edilizia, quindi, gioco-forza, sono venuto a contatto con questa nuova realtà pistoiese.

Come racconteresti Ecocasa a chi non la conosce?
Ecocasa è una nuova realtà cooperativa che si misura in un settore innovativo ed in espansione: propone alloggi con caratteristiche naturali, il sogno moderno di tutti insomma!
Ecocasa è lo strumento per costruire moderno ed ecologico, il mezzo per perseguire l’obbiettivo di un’edilizia consapevole e di valore.

E se io, Marco, ti dico: ” Ecocasa è …” tu come finisci la frase?

Ecocasa è la nuova realtà cooperativa che può realizzare il tuo sogno di casa in edilizia sostenibile!

 

 

condividi:
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Share on TumblrPin on PinterestPrint this pageEmail this to someone